LE INCOGNITE DEI COLLOQUI A DISTANZA

Nel commentare con i colleghi esperti di selezione del personale il periodo storico che stiamo vivendo, è emersa la consuetudine di fare colloqui via Skype.

E’ evidente che è impossibile da creare il tipo di spontaneità che si tenta costruire con l’intervista quando si è fisicamente vicini.

Parlare di sé, raccontare sequenze della propria vita che fanno riaffiorare bagagli emozionali complessi, richiede un interlocutore di esperienza, che sappia cogliere velocemente e interpretare il racconto.

Lo spessore esistenziale dell’intervistatore è determinante: potrebbe cadere nella manipolazione dell’intervistato che costruisce la propria storia in funzione di quanto pensa si voglia sentir dire l’interlocutore.

La costruzione del proprio personaggio è più facile se non si è fisicamente vicini. Se vuoi andare al di là delle competenze tecniche, e individuare quelle trasversali, devi impegnarti molto e attingere ai tuoi saperi psicologici, storici e sulle tecniche di comunicazione.

La storia che raccogli può essere intrisa di miti e fantasie legate ai vissuti dei nuovi mondi virtuali.

Quando si ritornerà al nostro lavoro senza impedimenti e si parteciperà alla ricostruzione del mondo economico, la nostra professionalità sarà determinante nell’individuare le figure veramente adatte alle posizioni più variegate che ci chiederanno di ricercare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *